top of page

È uno spazio confinato e/o sospetto d’inquinamento?

In questi anni gli organi di informazione hanno dato grande evidenza ad incidenti, occorsi all’interno di serbatoi, vasche e ambienti chiusi, in cui lavoratori e soccorritori di operatori in difficoltà hanno trovato la morte. Questo drammatico susseguirsi di eventi, così simili nella dinamica e nelle conseguenze, ha evidenziato come le attività all’interno di ambienti confinati espongano quanti vi accedono a rischi che comportano conseguenze fatali. La prevenzione di tali incidenti è da identificare in una precisa valutazione e qualificazione, che preveda un importante percorso di formazione e di addestramento.


On line è presente uno strumento che vuole supportare i tecnici, superare le lacune normative e fornire un pratico e semplice supporto per l’identificazione e il riconoscimento di tali ambienti. Questo strumento è Confined Space App (CSA), il cui scopo è, appunto, quello di aiutare i datori di lavoro a definire con che probabilità gli ambienti in cui i propri lavoratori, o essi stessi, si trovano a dover entrare per svolgere mansioni di manutenzione, pulizia, ispezione, o altro ancora, possono essere considerati confinati o sospetto d’inquinamento e presentare delle problematiche relative al recupero in caso di incidente.


L’app è stata realizzata dal Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Bologna, con il supporto del gruppo Banca delle Soluzioni – Ambienti Confinati (http://safetyengineering.din.unibo.it/banca-delle-soluzioni), grazie al cofinanziamento ottenuto da INAIL Regione Emilia Romagna, mediante Bando Regionale 2016. CSA non vuole, quindi, essere uno strumento per la valutazione dei rischi, né vuole sostituirsi ad essa, ma rappresenta un aiuto per individuare la presenza di un ambiente confinato e le relative criticità dovute alle sue caratteristiche, in termini di Geometria, Accesso, Configurazione Interna, Atmosfera, che, secondo la classificazione OSHA, rappresentano le quattro principali categorie di confinamento.


L’app è scaricabile gratuitamente ma prevede due livelli di accesso: uno aperto e liberamente consultabile, che presenta la versione demo e un archivio di valutazioni da consultare; il secondo invece presenta le funzionalità complete con la possibilità di ottenere il risultato finale. Per ciascuna categoria vengono sottoposte all’utente diverse domande per identificare le caratteristiche del luogo. Il risultato finale è un valore numerico, frutto di un algoritmo di calcolo basato sulle diverse risposte dell’utente, che identifica la possibilità di trovarsi o meno in presenza di ambiente confinato e/o sospetto d’inquinamento. L’applicazione informa l’utente rispetto alla presenza di confinamento per ciascuna categoria analizzata.

Per ciascuna categoria di confinamento vengono, inoltre, evidenziate le rispettive criticità e gli avvertimenti di cui tenere conto prima di entrare nell’ambiente oggetto dell’analisi, anche rispetto alla difficoltà di recupero e di salvataggio.



Leggi il blog

bottom of page